Corsi REC 2014/15

copertina_corsi14È disponibile il nuovo opuscolo con i corsi REC organizzati nei prossimi mesi. Per venire incontro alle esigenze espresse dai corsisti abbiamo deciso di non indicare una data, ma di raccogliere gli interessati e poi fissare insieme le date tramite un doodle.

Se un corso vi stuzzica quindi, non esitate a preiscrivervi. Cercheremo di trovare la data migliore per tutti!

REC Opuscolo corsi autunno 2014
http://www.t-rec.ch/formazione/

 

,

Nessun commento

Skater tristi

Skater, ti vedo triste. Cosa c’è che non va?

Te ne stai li, con le tue scarpe Vans,
i tuoi pantaloni Converse
il tuo the freddo in tetrapak
seduto sul tuo skate
la camicia a scacchi gettata con noncuranza in un angolo
i muscoli del ventre ben profilati
e la faccia triste.

Cosa c’è che non va?

Lo skatepark ce l’hai. Con le discese e le salite. I graffiti e le tag.
Ben recintato. Con la videosorveglianza e il securitas che apre e chiude.

Il tuo passatempo, un tempo trasgressivo oggi è stato normalizzato,
non sei più un outsider, anzi ora sei accettato,
ti sorridono compiacenti anche le vecchiette,
sei persino molto richiesto al dicastero giovani
per dare un tocco di giovanilità alle sue attività
e sei addirittura diventato una categoria di youporn.

Quando fai i tricks sembri felice
anche quando sali sul bus con la tavola legata allo zaino
sembri felice
anche quando sfogli i cataloghi di scarpe
sembri felice
è proprio quando stai seduto sullo skate
che mi sembri triste.

, , , ,

Nessun commento

Due cose che mi sono venute in mente sulla scuola

Ieri ho rivisto l’attimo fuggente, il film intendo. Che non l’avevo più rivisto da circa 18 anni. Ce l’aveva fatto vedere la maestra della quinta elementare uno degli ultimi giorni di scuola. Sul momento non mi era piaciuto, ma ora ho capito che con quel film la maestra della quinta elementare voleva insegnarci qualcosa di profondo che ci sarebbe servito per l’avvenire. L’attimo fuggente è proprio un film adatto per chi vuole insegnare a dei ragazzi qualcosa di profondo che gli possa servire per l’avvenire e non gli vengono le parole giuste.

Le due cose che mi sono piaciute di più de l’attimo fuggente sono:
1) Le immagini degli stormi di anatre che volano
2) La scena finale quando tutti salgono sui banchi

Oggi ho poi letto sul giornale una rubrica con i consigli della sessuologa che risponde ad uno che dice di essere un “professore di liceo 27enne di bell’aspetto al primo anno di insegnamento”. Ma quanti professori di liceo 27enni di bell’aspetto al loro primo anno di insegnamento ci saranno in Ticino?

Nessun commento

Che poi a ben vedere la bellezza della Svizzera è data per trequarti dai vetri polarizzati degli autopostali.

Certo che la Bregaglia è proprio bella,
colle montagne la nebbia e i larici
che dal postale con i vetri polarizzati è ancora più bella.
Che poi a ben vedere la bellezza della Svizzera è data per trequarti dai vetri polarizzati degli autopostali.
Che un mio amico italiano la prima volta che è venuto in svizzera è rimasto colpito dalla bellezza dei vetri polarizzati sui treni.
Ma per quanto sia bella la Bregaglia polarizzata a me dopo un po’ vien voglia di guardare il telefono per vedere se sono arrivati messaggi mail o tuit.
Che lo penso che scemo che sono che c’ho la Bregaglia polarizzata e io guardo il telefono.
E sulla posta ci sono anche quelli di quella generazione che sanno stare sulla posta senza guardare di continuo il telefonino. Si godono la polarizzazione. Ma sono sempre meno. Fra un po’ saranno tutti morti.

Nessun commento

Che li riconosci gli svizzeri sui treni

Che li riconosci gli svizzeri sui treni
bevono succo di mele
con la giacca di pile verde
se in famiglia, giocano a Uno
anche i figli adolescenti
i bambini biondi, tre
ognuno col suo zainetto
mangiano panini integrali
e bastoncini di carote
conservati in scatole di plastica
con la loro suoneria discreta
bisbigliano
presentano spontaneamente il metaprezzo firmato
assieme al biglietto.

Nessun commento

Quello che proprio non ho bisogno quando faccio un viaggio in treno

Che quello che proprio non ho bisogno
quando faccio un viaggio in treno
è di incontrare qualcuno che conosco.

Che io mi preparo per bene
tutte le mie cosine da fare
i numeri arretrati di Azione da leggere
le idee da scrivere al computer.

Che proprio non ho voglia di far conversazione
piuttosto guardo fuori dal finestrino
oppure gioco a pacman
che sull’iphone è davvero bello.

Che poi ogni tanto incrocio qualcuno
e faccio finta di non vederlo
mi sposto più avanti
o faccio finta di dormire.

Che magari mi sono anche comperato qualcosa da mangiare
che poi mi imbarazza
e anche se ne offri un morso solitamente non è che uno accetta
e tu sei li che mangi e lui guarda
non è mica bello.

E poi magari sto ascoltando le conversazioni
e vorrei segnarmele giù sul calepino
e poi mi chiedo chissà che cosa pensa
che faccio l’intellettuale che si segna giù i pensieri
che invece non sono pensiero
o almeno non sono pensieri miei
ma son le cose che sento.

Che se poi qualcuno si siede
e allora inizi a parlare
come va bene grazie cosa stai facendo
fai ancora i video si il sociale basta
ho cambiato genere vai ancora al molino
è un po’ che non ci vado non è più quello di una volta.

Nessun commento

Che a un mio amico gli hanno rubato la bici.

Che a un mio amico gli hanno rubato la bici,
una Merida. Bellissima.
L’aveva lasciata proprio da parte al centro cristiano,
dove si trovano tutte le sere per cantare e pregare.
Adesso io non è che voglio dire che sia per forza stato un cristiano,
non che le cose siano per forza legate,
sta di fatto che il mio amico l’ha lasciata davanti a un centro cristiano,
e poi non c’era più. Ed era una Merida. Bellissima.
Tutto qui.

Che poi lo so che ci sono anche un sacco di cristiani onestissimi,
che quella dei cristiani che rubano le cose è un po’ un pregiudizio,
io ho anche degli amici cristiani. Bravissime persone.
Non lo ostentano, non sentono mica il bisogno di mettersi addosso croci o robe così.
Sono normali, come me e il mio amico.
Però le cose stanno così.
Gliel’hanno rubata davanti a un centro cristiano.
Tutto qui.

Che se pensi ai tesori vaticani, alle streghe e a quelle cose li,
ti vien facile pensare che la Merida l’abbia rubata un cristiano,
ma finché non ho le prove io non ci credo,
e neanche il mio amico.
Anche statisticamente poi. Con tutti i cristiani che ci sono è chiaro che ce ne siano anche di quelli che rubano le bici.
Non è vero che ce l’hanno nel sangue sta cosa di prendere le cose degli altri,
non facciamo di ogni erba un fascio.
E anche se fosse stato un cristiano questo non significherebbe niente.
Tutto qui.

, , ,

3 Commenti

Esistenzialismo 2.0

Gli allievi del III anno del Corso di Comunicazione Visiva della Supsi, seguiti dall’insegnante Antonio Deprez hanno interpretato sotto forma di Grapich novel, le sceneggiature di tre autori (Marco Jeitziner, Mariella Dal Farra e Olmo Cerri). Una selezione è stata pubblicata sull’ultimo numero di Ticino 7. Riporto qui i lavori di Tassandra e Nuki basati sul mio testo.

esistenzialismo1fumetto 1

, , , ,

Nessun commento

Tilo

Un pelato con il braccio rotto
Una bionda che legge
Un cinese al telefono
Una prostituta con un odore strano
Un magrebino con le Nike blu
Un ragazzo con i riccioli
Una donna con le calze di nailon
Un prete ortodosso con la barba scura
Un signore con un sacchetto di plastica annodato
Uno con i jeans che scende a Lissone Muggiò
Uno col bomber che ride e tossisce
Uno bello che guarda fuori dal finestrino (o forse si specchia)
Un indiano che beve Gatorade
Un cinese miope
Uno che fa su i drum a bandiera
Uno che parla sottovoce con un altro e gli sfiora la gamba e poi si scusa
Una che dorme molto elegantemente
Uno che legge un libro di carta
Una che si alza e mi lascia il posto
Uno che toglie tutto dallo zaino per cercare qualcosa
Uno che torna a casa
Uno che parte
Uno che scappa
Uno che ha un QR code sulla borsa
Uno che dice a un’altra che un terzo si sposa
Un cinese con una vista da falco
Uno senza basette
Uno che ha preso il treno per un pelo
Uno senza biglietto
Uno senza il biglietto obliterato
Uno che schiaccia il Pet prima di gettarlo
Uno che questa mattina ha pensato al suicidio
Uno che ha appena messo incinta una donna
Una che porta il lutto
Uno che è davvero scontento di come va il mondo
Uno che non è contento del lavoro che fa
Un tedesco dalla Germania
Uno basso
Uno che vorrebbe essere a chilometri da qui
Uno che ama i fiori
Uno che soffre di mal di treno
Uno che nasconde un’erezione
Uno che ha del torrone nella borsa
Uno che twitta
Uno che sta pensando a qualcosa
Uno che non me la conta giusta
Uno che non conta niente
Un conte
Uno che canta
Uno che è stato al conservatorio ma non l’ha finito
Uno che vorrebbe diventare vegetariano
Uno che vorrebbe smettere di fumare
Uno che vorrebbe fumare
Uno che non parla italiano
Uno che non parla
Uno che sorride con gli occhi
Uno che ha dimenticato qualcosa in albergo
Uno che cerca di convivere con i lati peggiori del suo carattere
Uno che vive la vita giorno per giorno
Uno che potrebbe chiamarsi Giorgio
Uno che cerca di non fare il passo più lungo della gamba
Uno che saluta con affetto
Uno con il cappello dei Chicago Bulls
Uno con un fascino di altri tempi
Uno molto controllato
Uno che non dorme da due giorni
Un morto in piedi
Un bersagliere in civile
Un ateo razionalista
Una vittima del successo
Un vietnamita filoamericano
Un working poor
Un fumatore incallito
Uno che è intollerante al lattosio
Un nonno
Un paracadutista in pensione
Un padovano con un forte accento

, ,

Nessun commento

Corsi REC – primavera 2014

banner

Ecco il nuovo programma di corsi proposti dall’Associazione REC di Lugano

Tutte le info e i moduli di iscrizione, qui:
http://www.t-rec.ch/formazione

La REC offre corsi di formazione per giovani e adulti su temi legati alla comunicazione e alla tecnica audiovisiva.  I soci REC beneficiano di uno sconto del 10% sui corsi proposti. I tesserati LuganoCard beneficiano di uno sconto del 10% sui corsi base (segnalati con *). I due sconti non sono cumulabili.

,

Nessun commento

#sentitodinotte

Sull’ultimo numero di Ticino7, disegnato da Micha Dalcol, #sentitoingiro

Schermata 01-2456675 alle 12.40.26 PM

Nessun commento

Nicole e Martin

Per la coppia di circensi e teatranti ambulanti “Nicole et Martin” con la REC abbiamo curato tutta una serie di prodotti audiovisivi. Nel corso dell’ultima settimana di agosto 2013, in concomitanza con la presenza della carovana al Festival Internazionale di Narrazione di Arzo, abbiamo seguito tutte le fasi del lavoro della compagnia realizzando, su indicazione del committente, quattro minidocumentari, la ripresa multicamera e i trailer dei quattro spettacoli che la compagnia porta in giro per le strade e le piazze di tutta europa. Particolare attenzione agli aspetti documentari, cercando di raccontare la filosofia, l’atmosfera e la scelta artistica radicale dei due circensi e della loro famiglia.

“Le rappresentazioni fiabesche di Nicole & Martin sono di una stupefacente semplicità e allo stesso tempo di grande perizia acrobatica. I bambini e gli adulti nel tendone sgranano gli occhi pieni di meraviglia.“ (Heilbronner Stimme, Germania)

Nessun commento

Linum usitatissimum: Alfred Escher – Gli svizzeri

Doppia pagina di fumetto, su Ticino7, disegnato da Micha Dalcol, dedicata ad Alfred Escher, nel contesto del mese dedicato a “Gli Svizzeri” indetto dalla SSR. Per questo evento specifico abbandoniamo la formula “#sentitoingiro” che tornerà a partire dal mese prossimo.

> Scarica il fumetto in pdf: Alfred Escher-web
> Vedi tutti i fumetti per Ticino7

tum

, , , , ,

Nessun commento

22° FIT – 2013

Anche quest’anno, dopo la bella esperienza del 2012, ho avuto l’opportunità di coordinare la Giuria Giovani e il Gruppo Redazione del 22 FIT Festival di Teatro di Lugano. Una quindicina di giovani, appassionati di teatro hanno curato la realizzazione dei due numeri del giornale (quest’anno di 8 pagine), un blog,  la presenza sui socialnetwork e l’assegnazione del “Premio Infogiovani”, che quest’anno è andato alla compagnia “Progetto Brockenhaus” con lo spettacolo Bruno.  Un gruppo di giovani fotografi ha inoltre curato la copertura dei vari spettacoli.

(Con il sostegno di InfoGiovani e del Dicastero Giovani ed Eventi).

> Il primo numero di FITTISSIMO 2013
> Il secondo numero di FITTISSIMO 2013

 

Foto 27.10.13 20 48 54

, , , , ,

Nessun commento

Sonvico: un cimitero esposto

Schermata 10-2456593 alle 12.32.06 AMSchermata 10-2456593 alle 12.31.56 AM

La sala a Sonvico era bella piena! Fra le varie cose ho ottenuto una caricatura con dedica da Tim. Ho sentito interesse e curiosità. Bell’intervento di Flavio Baumann sulla storia del cimitero.  Grazie a tutti i partecipanti accorsi e agli organizzatori.

 

(maggiori info)

Nessun commento

  • Storico