Tag Archives: erbacce

Omaggio poetico alle erbacce in città

Imparando a riconoscere le erbacce, scopriremmo che molte di esse hanno proprietà fitoterapiche e svolgono una funzione molto importante per il nostro ecosistema, ad esempio bilanciano la temperatura e il tasso di umidità, attutiscono i rumori e nutrono gli insetti. Le erbacce ci danno informazioni sull’ambiente e non da ultimo sono graziose. La loro presenza in città ci ricorda uno dei principi alla base dell’ecologia: dove c’è spazio, qualcuno lo occupa. Lo spazio è inteso come luogo con condizioni ambientali di luce, di calore, di umidità, con la presenza di malattie ed erbivori – condizioni che sono definite nicchie – in cui alcune specie trovano esattamente l’habitat che gli serve per vivere. La presenza di erbacce non è dunque dovuta all’incuria, ma segue regole naturali molto precise.

> Maggiori info

Erbacce – ritratti erbacei

Erbacce

Ecco online le “erbacce”, andate in onda nell’autunno 2009 a LaTele (RSI, La1) – maggiori informazioni

Le erbacce sono onnipresenti, appena ci distraiamo un attimo iniziano a crescere e presto sovrastano le piante che consideriamo utili e che con tanta fatica coltiviamo. I “mille papaveri rossi” di Fabrizio de André, fanno parte della vita di tutti noi, ed è per questo, che spesso e volentieri, sono entrate a far parte della nostra memoria. Ad esse, anche grazie ai profumi che emettono, associamo ricordi legati ad episodi passati e momenti significati della nostra esistenza.

In questa serie vorrei raccogliere “storie di erbacce”, in ogni episodio una persona si presenta attraverso alla malerba che le è più affine o verso cui serba un ricordo o un aneddoto caro nella cornice della moltitudine di prati, orti e boschi del nostro cantone. Un faccia a faccia fra umani e vegetali che mette in confronto dialettico una porzione della propria narrazione autobiografica con le proprietà vere o attribuite di una pianta. Un catalogo di volti e foglie, radici, rizomi, fronde e chiome.

NICOLA SCHOENENBERGER ci accompagna nell’ultimo luogo selvaggio della città di Lugano, la foce del fiume Cassarate. Un’area importantissima dal punto di vista botanico e ricchissima di biodiversità, perché ospita tutta una serie di specie pioniere come il CIPERUS, strettamente imparentato con il papiro…

Chi non ha dei dolorosi ricordi della puntura dell’ORTICA? MARGHERITA SCHOCH, il cui nome richiama piante ben più delicate, ci racconta la sua esperienza neorurale in valle di Muggio, quando una disavventura con le capre la costringe in un cespuglio di queste pungenti erbacce.

Attorno alle zone umide del nostro cantone cresce la FELCE DOLCE, la cui radice ha il gusto e il profumo della liquirizia. STEFANO BERNASCHINA, di Riva San Vitale ricorda i momenti in famiglia, sul monte San Giorgio, in cui si raccoglieva questa gustosa “erbaccia”.

MELITTA JALKANEN è una finlandese trapiantata in Ticino. Come in un ecosistema anche nella società la multiculturalità e la biodiversità sono una forza. La monocoltura è un problema, per questo il POLIGONO DEL GIAPPONE che invade le sponde dei nostri fiumi può risultare un problema…

ELENA BACCHETTA ci accompagna nel parco delle Gole della Breggia alla ricerca del LUPPOLO. Pianta rampicante profumatissima e conosciuta per la sua utilità nell’industria birraria. Questa piana è però importante per Elena perché le risveglia i ricordi della mamma, che non c’è più, con cui andava a raccogliere i germogli di questo rampicante selvatico.

Lungo la ferrovia, che percorre in lungo ed in largo il nostro paese, passano ogni giorno treni carichi di merci di ogni tipo. Capita che, qualche volta, un seme cada dai vagoni e trovi terreno adatto alla sua crescita proprio nella massicciata ferroviaria. Con PIA GIORGETTI, fra i binari della stazione FFS di Lugano, conosceremo l’EUFORBIA DEI BINARI il cui nome è più che emblematico.

VALERIA PFAHLER, attraverso la CICORIA racconta alcuni suoi ricordi di bambina che ha vissuto la seconda guerra mondiale. Tempi duri, in cui di cibo non se ne poteva sprecare e in cui bisognava arrangiarsi, anche attraverso piccoli stratagemmi, per avere di che sfamare tutta la famiglia, e le erbacce venivano in soccorso!

BRUNO BELLOSI a trent’anni suonati ha lasciato il suo lavoro e ha ripreso a studiare botanica. Uno degli ambienti che predilige sono le discariche di inerti. Visiteremo con lui quella di Balerna che scopriremo popolata di piante meravigliose come la pungente NAPPOLA ITALIANA.

Crescono le Erbacce, il giovedì a LaTele

Questa settimana partono in TV le Erbacce che, grazie al prezioso contributo di diverse persone, ho potuto realizzare negli scorsi mesi. La loro collocazione sarà quella de LaTele, attorno alle 10 di mattina (su LA1 della RSI) in coda ad una finestra tematica dedicata al giardinaggio.

Guardale online sul sito della RSI 

Il progetto:
Le erbacce sono onnipresenti, appena ci distraiamo un attimo iniziano a crescere e presto sovrastano le piante che consideriamo utili e che con tanta fatica coltiviamo. I "mille papaveri rossi" di Fabrizio de André, fanno parte della vita di tutti noi, ed è per questo, che spesso e volentieri, sono entrate a far parte della nostra memoria. Ad esse, anche grazie ai profumi che emettono, associamo ricordi legati ad episodi passati e momenti significati della nostra esistenza.

In questa serie vorrei raccogliere "storie di erbacce", in ogni episodio una persona si presenta attraverso alla malerba che le è più affine o verso cui serba un ricordo o un aneddoto caro nella cornice della moltitudine di prati, orti e boschi del nostro cantone. Un faccia a faccia fra umani e vegetali che mette in confronto dialettico una porzione della propria narrazione autobiografica con le proprietà vere o attribuite di una pianta. Un catalogo di volti e foglie, radici, rizomi, fronde e chiome.

Continue reading Crescono le Erbacce, il giovedì a LaTele