Category Archives: Lavoro sociale

Riflessioni più o meno critiche sul dorato mondo del lavoro sociale

Video per Piazza Aperta Giovani in Movimento

Segnalo il video realizzato per Piazza Aperta Giovani in Movimento, l’interessante progetto di Centro Giovani itinerante che si è svolto nel corso dell’estate e nella prima parte dell’autunno in diversi comuni del bellinzonese.

Grazie a Ushi e Stefano per le immagini e a Monia e Matteo per il lavoro di coordinazione!

 

Già che ci sono segnalo anche questa breve animazione in stopmotion, risultante dal laboratorio che si è svolto in giugno a Monte Carasso e il minidoc realizzato con i giovani del centro di Chiasso (coordinati da Sergio Perdonati).

Qualche info in più sul progetto: Piazza aperta Giovani in movimento ha potuto svolgersi grazie all’iniziativa dei Municipi di Giubiasco, Monte Carasso e Bellinzona. Ha potuto contare sul sostegno di Projuventute e del Cantone Ticino (attraverso il Fondo lotteria intercantonale) per rafforzare i propri obiettivi di lavoro. Continue reading Video per Piazza Aperta Giovani in Movimento

Risorse di sopravvivenza nell’istituzione totale per anziani

Il libro "Pannoloni Verdi", di Valentino Nicola, raccoglie, grazie allo strumento dei cantieri di ricerca, le narrazioni del personale e degli ospiti di una delle più antiche istituzioni per anziani di Bologna l’IPAB Giovanni XXIII. Anche alle nostre latitudini la realtà della "casa anziani", parzialmente staccata dal tessuto sociale, è pressoché sconosciuta a chi non è "parente" o "addetto ai lavori".

Dai racconti particolari con cui ci si può immergere nella sconcertante quotidianità di queste case, si arriva a distillare alcune caratteristiche generali delle moderne "istituzioni totali per anziani". Dall’attesa passiva della morte (funzione terminale) di persone anche di età inferiore ai 60 anni ma ritenute "in esubero" dalla società, ai dispositivi di contenzione farmacologica e fisica, necessari più alla tranquillità e alla razionalità economica istituzionale che alle reali esigenze di sicurezza e protezione degli ospiti. Continue reading Risorse di sopravvivenza nell’istituzione totale per anziani

Un ricordo della prope, per cercare di salvare la SSPSS

Il testo qui sotto è stato scritto per una mostra, allestita nelle scorse settimane contro l‘abrogazione o riduzione sostanziale del curricolo di certificato e di maturità specializzata della scuola SSPSS di Canobbio decisa dal cantone. In altre parole, lo smantellamento definitivo di un curricolo scolastico che vanta quarant‘anni di storia. Il Comitato Genitori della SSPSS è a dir poco indignato per questa decisione frettolosa, poco maturata e dettata soprattutto da motivi finanziari. (indymedia o OCST)

 

Passeggiata di classe dell’ultimo anno di formazione: invece che puntare verso mete più gettonate mediamo una settimana di permanenza per quasi tutta la classe a Ces, villaggio neorurale sulle montagne leventinesi. Settimana di pioggia, grigio e nebbia. Accendiamo le stufe con la legna tagliata nella vicina torbiera che gli abitanti del villaggio stanno cercando di far tornare alla situazione originaria, prima che venisse "bonificata", più umida ma ricca di vita e biodiversità.
Abbiamo fatto la spesa per la settimana presso coltivatori biologici del piano di Magadino, e prepariamo banchetti sulle stufe economiche della grande casa con il tetto in piode.

In questa foto (del 2002 credo), da sinistra si vedono Enrico, Joel, io e Mario, la stanchezza e è evidente, la gioia prodotta da una settimana di vita comunitaria è forse meno visibile ma indelebile. Continue reading Un ricordo della prope, per cercare di salvare la SSPSS

Nuovo numero di CAD News

È uscito il primo numero (dopo il numero zero) di "Cad News" l’edizione cartacea dei contenuti del blog del Centro di Accoglienza Diurna (CAD) di Ingrado. Un esperimento di "mediattivismo sociale" in cui gli utenti e gli amici del centro diurno possono esprimersi e sperimentarsi.

Questo numero di "Cad News" lo si può scaricare dal blog oppure trovare, in edizione cartacea, presso il CAD.

Perché un blog al Cad…
Uno spazio dove raccogliere i propri pensieri, le proprie emozioni. Uno spazio su cui catalizzare la propria creatività, dove sperimentarsi riscoprendo le proprie abilità redazionali. Un luogo di scambio e di apertura verso l’esterno del centro e di condivisione dei propri testi all’interno della “community del CAD”. Spazio per l’autobiografia e per la memoria, per i sogni e per una progettualità nel futuro: un muro digitale per “graffittare” i propri pensieri. Creare reti e relazioni mediandole attraverso una piattaforma digitale, attuale e allettante. Una vetrina per promuovere le attività del nostro centro e per raccogliere memoria di quello che è stato fatto. La possibilità di una “alfabetizzazione informatica” per tutti e, per chi ha voglia di saperne un po’ di più sulle potenzialità del Web, la possibilità di approfondire alcune tecniche e linguaggi informatici.

Noi ci proviamo, aspettiamo commenti, contributi e proposte!  

SUPSI – Scopri il futuro che c’è in te: lavoratore precario!

La scuola è messa male, la SUPSI ancor di più. Pervasi dallo spirito della “Riforma di Bologna“, nei nuovi “dipolimifici”, la logica aziendale ha preso spazio a tal punto che si sente il bisogno di pubblicizzare il proprio percorso formativo in un’ottica concorrenziale e di libero mercato.

In questi giorni sul portale informativ-populista “TicinOnline” è apparso un grande banner (1) che pubblicizza “il Bachelor in Economia Aziendale” con il promettente slogan “Scopri il futuro che c’è in te“. Nella stessa pagina un altro banner attira la mia attenzione: quello di EuroMillions (2). Grazie a TicinOnline ho ben due proposte per sistemare il mio futuro, studio o lotteria, apparentemente equivalenti, ognuna con il suo bel banner animato a portata di clic. Non mi resta che scegliere!

 

 

Già qualche tempo fa, in epoca di “allarme terrorismo” la SUPSI ci aveva stupito con un’inquietante scelta stilistica.

È a dir poco assurdo che le risorse finanziarie di una scuola vengano utilizzate per la reclam. Se si vuole che un maggior numero di persone scelgano questo tipo di formazione si dovrebbe lavorare su altri fattori come la qualità dell’insegnamento o l’accessibilità.

Continue reading SUPSI – Scopri il futuro che c’è in te: lavoratore precario!